Giovedì, Settembre 21, 2017

It En Français

Normativa


La somministrazione di lavoro è stata introdotta nel nostro ordinamento dal Decreto Legislativo 10 settembre 2003 n. 276, decreto di attuazione della Legge 14 febbraio 2003, n. 30 "Delega al Governo in materia di occupazione e mercato del lavoro" (cd. Legge Biagi) confermando i principi base di quello che era stato definito “lavoro interinale” dallaLegge n. 196/97 (“Pacchetto Treu”).


Il contratto di somministrazione prevede la fornitura di personale da parte di un soggetto autorizzato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (Somministratore) all’azienda cliente (Utilizzatore)  a fronte di ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo, anche se riferibili all'ordinaria attività aziendale.


Il lavoratore viene assunto direttamente da Realjob che gestisce tutti gli adempimenti legali e amministrativi legati al rapporto di lavoro (gestione presenze; elaborazione busta paga; versamenti contributivi; comunicazioni agli Enti).
Il trattamento economico e contrattuale dei lavoratori a tempo determinato è uguale a quello dei dipendenti di pari livello e mansioni dell'azienda in cui prestano servizi.
In caso di somministrazione a tempo determinato il rapporto di lavoro tra Realjob e il lavoratore è soggetto alla disciplina di cui al Decreto Legislativo n. 368 del 6 settembre 2001, per quanto compatibile.

Il termine inizialmente posto al contratto di lavoro può in ogni caso essere prorogato, con il consenso del lavoratore e per atto scritto, nei casi e per la durata prevista dai contratti collettivi applicati dal somministratore.

In data 24 luglio 2008 l'Associazione delle Agenzie per il Lavoro - ASSOLAVORO  e recentemente in data 26 gennaio 2012 la nuova Associazione Italiana delle Agenzie per il Lavoro – ASSOSOM e le sigle sindacali ALAICISL, NIDL-CGIL, UIL CPO hanno sottoscritto il testo definitivo del rinnovo del CCNL dei Lavoratori in Somministrazione che disciplina in maniera unitaria, per tutto il territorio nazionale, i rapporti di lavoro intercorrenti tra tutte le Agenzie per il Lavoro (APL) e i lavoratori in somministrazione assunti sia a tempo determinato sia a tempo indeterminato ai sensi del suddetto Dlgs n. 276/2003.